Il regolatore di tensione

step-up step-down 5V regulator

Regolatore 5V

Il regolatore di tensione è uno strumento “magico” per chi utilizza schede elettroniche perché ci salva da spiacevoli inconvenienti e ci consente di riciclare vecchi alimentatori, caricabatteria e quant’altro senza particolari preoccupazioni.

Spesso si presenta la necessità, per controllare i nostri circuiti, di avere 5V, 12V, 6V. Se l’alimentatore che abbiamo nel cassetto non è particolarmente affidabile e  se l’assorbimento non è eccessivo, possiamo ricorrere ad un regolatore che accetta in ingresso una tensione diversa da quella desiderata e ci invia in uscita una tensione regolata e fissa.

Esempio: se abbiamo un regolatore che accetta come input 6-35V e in uscita fornisce 5V potremo tranquillamente collegare un qualunque alimentatore all’ingresso e ottenere i nostri 5V stabilizzati. Se la tensione d’ingresso dovesse fluttuare per qualunque motivo, la nostra uscita sarà comunque stabile.

Esistono regolatori per le principali tensioni 5V, 6V, 12V, ….

Un parametro molto importante da valutare prima di impiegare un regolatore è la corrente di esercizio. Tutti i regolatori forniscono due parametri: la corrente massima e la corrente di esercizio. La prima non deve essere mantenuta per lunghi periodi, la seconda può essere mantenuta per lungo tempo senza danneggiare il circuito.

I circuiti migliori hanno una protezione da sovracorrente e da sovra temperatura. In questo modo sarà impossibile, anche per l’hobbista, danneggiare in modo irreparabile l’elettronica.

Ogni volta che si utilizza un circuito delicato è consigliabile mettere un regolatore per evitare danni indesiderati.